Farfalle, le figlie del sole

Farfalle, le figlie del sole 28 giugno 2016

Belle ed effimere, le farfalle rallegrano adulti e bambini e si possono attirare offrendo loro riparo e nutrimento attraverso le proprie piantine da balcone o da giardino. 

 

Tanto belle quanto effimere, le farfalle, con i loro colori vivaci e il loro leggiadro svolazzare, rallegrano giardini e prati e sono senza dubbio gli insetti più amati.
Oltre che graziose le farfalle sono molto importanti: come le api, sono infatti necessarie per l’impollinazione, processo indispensabile per la riproduzione delle piante. In tutto il mondo esistono circa 20mila specie di farfalle e 145mila invece le specie di falene (farfalle notturne), mentre in Italia sono circa 280 (quasi 5mila le falene), delle quali quasi il 6% endemiche, ovvero che vivono solo nel nostro Paese.
Il clima variegato e i diversi ecosistemi della penisola rendono l’Italia un habitat ideale per numerose specie di farfalle. 

Case delle farfalle: dove sono e a cosa servono
Volete vedere le farfalle più spettacolari del mondo? Potete farlo anche in Italia, grazie alle case delle farfalle, ovvero luoghi nei quali vengono ricreate le loro condizioni naturali. La prima casa delle farfalle nata in Italia sorge a Montegrotto Terme (Pd), ed è la Butterfly Arc. La struttura offre ai visitatori un percorso immerso nelle foreste pluviali di Amazzonia, Africa e Asia, nel quale potranno passeggiare circondati da centinaia di farfalle libere. Casa delle farfalle & Co., situato a Milano Marittima (Ra), è un parco che ospita migliaia di specie tropicali. 

Le farfalle in Italia
Tra le farfalle più spettacolari che è possibile ammirare in Italia c’è il macaone (Papilio Machaon). Questa grande ed elegante farfalla è caratterizzata da ali gialle con striature blu e nere che terminano con delle “code di rondine”. Questa specie è diffusa in quasi tutta l’Italia, fino a 2.000 metri. Per attirarla, provate a seminare sul balcone una piantina di finocchio. Una delle specie nostrane più comuni è la vanessa del cardo (Vanessa cardui), riconoscibile dal colore arancione e dal tipico volo a zigzag. 

Una vita in trasformazione
Non è sempre vero che vivono un giorno: la durata della vita delle farfalle adulte è molto variabile e va da pochi giorni a diversi mesi. Appena nato, il bruco ha un grande appetito e può aumentare il proprio peso fino a 30mila volte. Nella fase successiva, l’animale si dedica al riposo, il bruco si fissa a un ramo o a una foglia e tesse un bozzolo di seta trasformandosi in crisalide. Dopo poche settimane, dal bozzolo spunta la farfalla, che si nutre del nettare dei fiori ed è pronta per riprodursi. 

Invita un'amica in giardino
"Il segreto non è prendersi cura delle farfalle, ma prendersi cura del giardino affinché le farfalle vengano da te", recita un verso del poeta brasiliano Mario Quintana. Le farfalle adulte, a differenza dei bruchi che mangiano le foglie, si nutrono del nettare dei fiori. Anche le piante aromatiche più comuni sono molto gradite dalla farfalle, per esempio timo, valeriana, lavanda, rosmarino, finocchio, salvia e menta.

 

Condividi

Leggi anche