Garda: un incanto tra laghi, montagne e colline

Garda: un incanto tra laghi, montagne e colline 8 maggio 2017

Benessere, cultura, sport, parchi tematici, enogastronomia. Una vacanza sul Garda accontenta anche chi è di gusti esigenti.
Il clima mite e temperato, mai troppo caldo grazie alle brezze montane che soffiano verso il lago, rende il Garda una meta ideale per i primi weekend estivi, sia che si voglia ottenere un’abbronzatura invidiabile, sia che si voglia girovagare alla scoperta di località ricche di fascino e dalla tradizione enogastronomica d’eccellenza.

Grazie all’ampiezza del lago, il più grande d’Italia, la vacanza sul Garda dà quasi l’idea di essere al mare. Con il vantaggio di avere colline e montagne a due passi. Da Riva del Garda fino a Peschiera, che si voglia visitare la costa bresciana, quella veronese o la trentina, il Garda offre una varietà di esperienze tutte strabilianti.

Tre chicche

1. Le Grotte di Catullo, a Sirmione. Bellissimi resti della villa romana più importante del Nord Italia, che si ritiene sia appartenuta alla famiglia del poeta.
2. La settecentesca Limonaia del Castèl, nel centro storico di Limone sul Garda. Panorama mozzafiato e nell’aria un aroma impareggiabile.
3. L’Aril, a Malcesine, il fiume più corto del mondo. Immissario del lago lungo solo 175 metri, attraversati da tre ponti e una cascata.


Tradizione enogastronomica

Le specialità di questo lago spaziano dal pesce alle ricchezze della terra: ulivi, cedri, limoni, tartufo e kiwi.
Per ritemprarsi dopo una giornata di sole o una passeggiata tra le bellezze storiche e naturali del Garda, non c’è niente di meglio di una degustazione di sapori tipici gardesani.

Una cucina al gusto di sole, che scalda gli ulivi e fa maturare cedri e limoni. Il pesce di lago, i frutti della terra, e tutto ciò che offrono le tradizioni lombarde, venete e trentine. Sapori delicati come l’olio, profumi intensi come il tartufo che cresce ai piedi del Monte Baldo.
Eccellente la carne salada del Garda trentino, da gustare in carpaccio o cotta alla piastra. A fine pasto, in stagione, non può mancare la pesca sciroppata realizzata con i frutti maturati nelle campagne veronesi. Oppure un fresco kiwi, che dagli anni Sessanta viene prodotto in mezzo ai vigneti. È talmente buono e gustoso, unico, che i produttori gardesani chiedono venga riconosciuto ai loro kiwi uno specifico marchio di qualità.

Vini
La produzione vinicola del Garda è molto varia. I vini più interessanti arrivano dalla sponda veneta, con il celebre Bardolino, un rosso piacevole, ideale per il consumo quotidiano, e il Bardolino Chiaretto, un rosato perfetto con il pesce e con la pizza. Il Lugana, prodotto sia in Veneto sia in Lombardia, è un bianco sapido, adatto all’invecchiamento.
Da segnalare anche la DOC Valtenesi, tipica della sponda occidentale del lago, che dà rossi e rosati fatti con più vitigni, tra i quali spicca l’autoctono Groppello.

Dove alloggiare

B&B Casa Speri
Speri, 1
37019 Peschiera del Garda
Tel +39 3393206223
info@casasperi.it

Agriturismo Le Caldane
Località Caldane, 1
37017 Lazise
Tel +39 0457590300
info@agriturismolecaldane.com

Hotel Bellevue San Lorenzo
Via Gardesana, 164
37018 Malcesine
Tel. +39 0457401055

I VENTI DEL GARDA SI DANNO DELLE ARIE
Di Tullio Ferro
Edizioni Sometti
€ 13,00

LA CUOCA DI D’ANNUNZIO, I BIGLIETTI DEL VATE A “SUOR INTINGOLA”.
Cibi, menù, desideri e inappetenze al Vittoriale
di Maddalena Santeroni, Donatella Miliani - Edizioni Utet, € 14,00

Condividi

Leggi anche