I brindisi delle feste

I brindisi delle feste 29 dicembre 2015

Le feste tra Natale e Capodanno sono il momento dell’anno in cui gli italiani bevono più spumanti. Ecco allora qualche consiglio per brindare nel migliore dei modi.
 

  • quando si apre uno spumante bisogna evitare di fare il “botto” con il tappo: questa pratica, infatti, favorisce la perdita repentina di anidride carbonica, penalizzando molto il perlage del vino;
  • con il panettone e gli altri dolci delle feste non servite mai spumanti brut o più secchi: con i dolci vanno sempre serviti vini dolci, via libera quindi ai demi-sec e agli ottimi moscati della tradizione piemontese;
  • per il brindisi di mezzanotte scegliete un Metodo Classico Rosè Millesimato di buona struttura e dal sapore intenso.

Lo sapevi che

  • Ci sono spumanti più o meno dolci, a seconda dello zucchero aggiunto in fase di dosaggio. Dosaggio Zero, Pas Dosè e Nature indicano i prodotti più secchi; meno secchi sono l’Extra Brut, e il Brut inferiore. I Metodo Classico più dolci sono l’Extra Dry, il Dry o Sec, il Demi-Sec, e il Dolce o Doux.
  • L’Italia è stata il primo paese ad avere una zona vinicola tra i siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità: il territorio di Langhe, Roero e Monferrato.
  • Quest’anno anche la Francia ha avuto la designazione di Champagne e Borgogna.


 

Condividi

Leggi anche