L'enigma del tetrapak. Come riciclarlo?

L'enigma del tetrapak. Come riciclarlo? 7 novembre 2014

  

Il Tetrapak è una invenzione made in Svezia degli anni ’50: un contenitore per alimenti in carta, alluminio e polietilene totalmente impenetrabile all’ossigeno grazie a una speciale tecnica di rivestimento plastico della carta. Quante volte ci è capitato di ritrovarci con un contenitore simile in mano e non sapere dove buttarlo?

L’istinto lo vorrebbe nel secchio della raccolta indifferenziata; ma attenzione, negli ultimi anni le cose stanno cambiando. Controllate le regole di smaltimento previste dal vostro comune, potreste sorprendervi nel notare che il tetrapak è un materiale interamente riciclabile e molti di voi potrebbero doverlo gettare insieme alla… carta!

In Italia infatti è in atto da qualche anno un programma per ampliare anche ai contenitori prodotti da Tetra Pak la raccolta differenziata di carta e cartoni. Come?

Nei comuni aderenti, le parti che compongono il tetrapak vengono separate meccanicamente, la carta verrà riciclata mentre le parti in polietilene e alluminio verranno destinate agli impianti di rigenerazione della plastica. Nasceranno così due nuovi materiali: la cartafrutta, carta avana particolarmente adatta per la produzione di shopper e di cancelleria, e l’ecoallene, composto da polietilene e da una piccola percentuale di alluminio, impiegato principalmente nell’edilizia e nella bigiotteria.

Come scoprire se nel comune in cui vivete è attiva la raccolta differenziata per il tetrapak?

Sul sito www.tiriciclo.it è possibile cercare sulla mappa il proprio comune, verificare la presenza del servizio e scaricare informazioni utili e brochure. Se siete tra i fortunati ecosostenitori, preoccupatevi di sciacquare bene l’interno dei contenitori per eliminare tracce di cibi e bevande, pressare i contenitori tetrapak il più possibile e gettarli nel bidone previsto per la raccolta di carta e cartone.

Niente di più semplice; informiamoci e scopriamo insieme come risparmiare risorse utili all’industria responsabile e alla tutela dell’ambiente.

 

Condividi

Leggi anche