La libreria dove tutto è possibile

Nati per leggere

La libreria dove tutto è possibile

Una storia romantica descrive una figura femminile intrigante e colta: il modo migliore per festeggiare l’8 marzo!

“I libri mi conoscono meglio di chiunque altro. Mi fido solo di loro. Perché sanno sempre darmi le risposte che cerco”.

Questo romanzo - opera d'esordio della scrittrice Stephanie Butland - è un omaggio alle librerie e ai loro tesori. È infatti ambientato in una minuscola libreria nel cuore di York, nel Nord dell’Inghilterra. Questo negozio è gestito da Loveday Cardew, un personaggio dalle mille sfaccettature. La giovane libraia riesce a comunicare le sue emozioni solo nella sua libreria. Fino al giorno in cui comincia a ricevere misteriosi pacchi pieni dei libri con cui è cresciuta, e inizia a pensare che qualcuno stia cercando di mandarle un messaggio. Qualcuno che, forse, la conosce bene. Loveday non ha la minima idea di chi possa essere e del motivo per cui il misterioso mittente non la lasci stare. Sa solo che, se vuole costruirsi un futuro migliore, deve affrontare il suo difficile passato. Al suo fianco, pronto ad aiutarla a raccogliere tutto il coraggio di cui ha bisogno, c’è Nathan, poeta in erba, l’unico che sembra conoscere la strada per arrivare al suo cuore. A poco a poco, con i suoi versi pieni di speranza, riesce a scalfire il guscio che Loveday si è costruita intorno e a regalarle la promessa di una felicità che lei non vede l’ora di afferrare.
 

LA LIBRERIA DOVE TUTTO È POSSIBILE
Stephanie Butland
Pagg. 272, Garzanti, 17,90 euro

Leggi anche