La spesa a km zero. Scopriamola.

La spesa a km zero. Scopriamola. 5 marzo 2014

   

L’agricoltura a Km zero è una filosofia di coltivazione, distribuzione e consumo eco-sostenibile profondamente radicata nel territorio di appartenenza di produttori e consumatori.

In cosa consiste? Le aziende agricole aprono le porte al pubblico mettendo in vendita i propri prodotti con particolare rispetto delle risorse animali e vegetali della propria terra.

Esistono diversi vantaggi in una forma di mercato simile: un prezzo inferiore dei prodotti, i packaging ridottissimi e il ridotto trasporto (i prodotti a km zero non possono “viaggiare” oltre i 70 chilometri dal luogo di produzione) rendono le emissioni di CO2 praticamente nulle.

La qualità dei prodotti è alta, sono venduti sempre e comunque freschissimi, con la certezza che si tratti di cibi regionali, Made in Italy. Gli agricoltori guadagnano così di più, mantenendo però un eccellente rapporto di qualità e prezzo dei propri prodotti.

Ma i benefici non si limitano a questo. I prodotti a km zero si trovano ormai anche tra i banconi della grande distribuzione, avvicinando tutti i consumatori alla realtà contadina, a un rapporto più diretto con la natura e a una maggiore consapevolezza dello scorrere delle stagioni. Avere infatti a disposizione tutto l’anno frutta e ortaggi sempre differenti è un toccasana per la dieta di tutte le età. Per non parlare dell’impatto ambientale e dei risvolti socioculturali dei consumatori, in una società sempre meno abituata a conoscere il ciclo di vita di un alimento.

Un ritorno al passato che sa di riscoperta, unito spesso ad attività didattiche attraverso sentieri culturali e mostre dedicate a progetti di “educazione alla ruralità“. Un piacere per chi vuol fare la spesa rispettando il territorio in cui vive e un tesoro per i più piccoli, che hanno così l’occasione di instaurare un nuovo rapporto con la terra, gli animali e le colture.

 

Condividi

Leggi anche