Tutti a nanna

Sani e salvi

Tutti a nanna

Svegliarsi al mattino carichi di energia? Il segreto è in un buon riposo notturno.
Ecco i nostri consigli per un sonno ristoratore.
 

Latte caldo e un buon libro non sempre bastano a conciliare il sonno? Forse è colpa delle cattive abitudini prima di andare a letto. Meglio mettere in pratica utili suggerimenti per un sonno rilassato e senza interruzioni.

Regola la giusta illuminazione.

Molte volte non ce ne accorgiamo, ma anche la sola luce della sveglia o del cellulare può disturbare il nostro sonno. Ricordatevi di spegnere o coprire tutte le fonti di luce e, eventualmente, indossare una mascherina per gli occhi.

Temperatura sotto controllo.
Un clima troppo caldo non favorisce il sonno. Meglio regolare la temperatura della stanza da letto (o della zona notte) per renderla più fredda (intorno ai 18° C). È risaputo anche che il freddo induce la sensazione di sonno. Attenzione, però, a non esagerare nell’altro senso, per non svegliarsi nel cuore della notte completamente gelati.

Rumori sì e rumori no.
Alcuni rumori ripetitivi e di sottofondo - come una ventola o un orologio - aiutano a rilassarsi e prendere sonno. Così come musica rilassante e soffusa. Altri, invece - come la musica di una discoteca vicina - potrebbero disturbarlo. In questo caso basta procurarsi dei tappi per le orecchie in farmacia.

Respiriamo.
Fare esercizi di respirazione aiuta il rilassamento: chiudete gli occhi e concentratevi sul respiro, poi passate a rilassare ogni parte del corpo, sempre restando concentrati sul respiro. Oppure visualizzate luoghi piacevoli o movimenti ripetitivi (come le classiche pecorelle che saltano la staccionata o le onde del mare).

Pasti leggeri.
Non è una novità: una cena troppo abbondante e ricca disturba il sonno. Da evitare quindi grassi, zuccheri e spezie. Meglio carboidrati integrali, poche proteine e verdure condite leggere. Alcuni cibi, inoltre, come orzo, riso, pomodori, mais, avena, arance e banane sono ricchi di melatonina, una sostanza che aiuta a rilassarsi e addormentarsi. No ad alcol e vino: sebbene inducano sonnolenza nell’immediato, disturbano il sonno. Se graditi, meglio consumarli due o tre ore prima di coricarsi.

Niente sport dopo cena.
Per molti potrebbe essere un problema, ma è bene anticipare l’attività sportiva. Il nostro corpo, infatti, fatica a rilassarsi se è stato sollecitato e surriscaldato da poco. Gli esperti consigliano di fare esercizio fisico almeno tre ore prima di coricarsi.

Con Pam Panorama le tisane amiche della buonanotte.

Sarebbe meglio non assumere caffè già dal pomeriggio: la caffeina in esso contenuta, infatti, impiega dalle 6 alle 8 ore per lasciare il nostro corpo. Stesso discorso per il tè, che contiene teina. Preferite invece una buona tisana, che aiuta a rilassarsi e contiene proprietà benefiche. Da prendere due ore prima di coricarsi.

  • Tisana al finocchio Bio: realizzata con semi di finocchio da coltivazioni bio, questa tisana Pam Panorama (in confezione da 60 g in bustine) è l’ideale come bevanda dopo i pasti, grazie ai principi attivi dei semi di finocchio che aiutano la digestione. Non solo: sono antinfiammatori, antiossidanti, regolarizzano la pressione e sono buoni integratori di calcio e rame.
  • Tisana ai frutti misti Bio: quella di Pam Panorama, in confezione da 60 g, è una miscela realizzata con fiori e frutti biologici. Il mix è impreziosito dalla presenza di menta biologica. Può essere consumata sia calda che fredda, contribuendo all’azione drenante e depurativa dell’organismo. Con rosa canina, karkadè, scorze d’arancia e menta piperita.
  • Camomilla: note le sue proprietà sedative e calmanti, la camomilla è la regina della buonanotte. Nella linea Pam Panorama è disponibile sia setacciata in bustine, sia in versione solubile zuccherata. Questa è ottenuta per “granulazione” dell’estratto fluido di camomilla miscelato allo zucchero. Un processo che mantiene inalterate le componenti aromatiche tipiche di questa pianta.

Leggi anche