Un gioco da cani

Un gioco da cani 8 giugno 2017

Il gioco rappresenta una tappa fondamentale nella vita di tutti i mammiferi. “Il gioco non è solo piacevole. Anzi, possiamo dire che è piacevole perché utile – sostiene l'etologo Roberto Marchesini – poiché solo i comportamenti che apportano un vantaggio sono premiati dalla selezione naturale”.
Proprio il gioco accomuna il cane e l’uomo: entrambi infatti tendono a giocare per tutta la vita, sia per apprendere che per semplice divertimento. L’attività ludica consente al cane di conoscere il mondo circostante e sé stesso, di sviluppare le proprie attitudini e i rapporti sociali. Con il termine “gioco” si intende un vasto gruppo di comportamenti, tutti caratterizzati da un’intenzione esclusivamente ludica e non pericolosa e che, invariabilmente, iniziano con il tipico inchino con cui il cane vuole dire: “vieni a giocare?”.

A ognuno il suo gioco

Non tutti i cani amano giocare allo stesso modo, per questo è importante individuare le peculiarità dell’animale, definite “coordinate motivazionali”, per capire quale può essere il gioco più stimolante per un particolare cane. Alcuni cani, in base alle caratteristiche individuali e di razza, hanno un forte istinto predatorio e amano rincorrere una pallina, altri sono invece animati dalla competizione e si divertiranno a fare un gioco di tira-molla.

Giochi di olfatto

I cani hanno un fiuto molto sviluppato e sono in grado di percepire mondi olfattivi a noi sconosciuti. Si può sfruttare questa capacità per impegnare il cane con divertenti esercizi di ricerca. Il più semplice prevede di nascondere qualche crocchetta o un altro alimento, in casa, in giardino o al parco, e lasciare che il cane le trovi. Inizialmente si consiglia di limitare la zona di ricerca per non vanificare l’entusiasmo del cane; gradualmente sarà possibile aumentare la difficoltà dell’esercizio, per esempio nascondendo il cibo tra l’erba oppure in una stanza al buio.

Giochi di intelligenza

Un gioco per stimolare l’intelligenza e la capacità di problem solving del cane è piuttosto semplice e prevede l’impiego di una scatola di cartone. Bisogna nascondere al suo interno delle crocchette e chiuderla, dopodiché osservare quale strategia utilizzerà il cane per impossessarsi del cibo. Si consiglia di cominciare lasciando la scatola semi aperta e di aumentare gradualmente la difficoltà degli esercizi. Un esercizio simile prevede invece di nascondere il cibo sotto la ciotola capovolta: il livello di difficoltà varia a seconda della superficie su cui gli oggetti sono appoggiati.

Giochi diversi, diversi obiettivi

I giochi con cui stimolare la mente dei nostri amici a quattro zampe sono tantissimi e hanno diverse finalità: alcuni affinano la collaborazione tra uomo e cane, altri sviluppano la capacità del cane di risolvere problemi, altri ancora esaltano le peculiari doti di una determinata razza.

Condividi

Leggi anche