Per aggiungere un contenuto alla tua lista dei preferiti devi prima accedere con il tuo utente!

Sbadati? Un’app vi aiuterà

Sbadati? Un’app vi aiuterà 15 aprile 2016

Quante volte vi è capitato di rovistare ansiosamente nella vostra borsa alla ricerca disperata di chiavi, portafoglio o quant’altro? Oppure ancora di tastarvi le tasche nella speranza di ritrovare qualcosa? Se queste scene vi sono familiari, potrebbero arrivare in vostro aiuto alcune app progettate per i più sbadati, o semplicemente per tutti coloro messi a dura prova dalla vita frenetica di tutti i giorni. Ancora una volta, infatti, il nostro cellulare può risultare un valido aiuto nel semplificare quei piccoli disagi di tutti i giorni che, sin dal mattino, possono complicarci la giornata.

Oggetti smarriti
La sbadataggine a volte fa sì che si riescano a smarrire oggetti importanti per la nostra vita quali computer, tablet o addirittura un’intera valigia. Un gruppo di imprenditori che crede nella buona fede delle persone (e nella fortuna) ha fondato il sito Find my lost. Si tratta di una sorta di social network che mette in contatto chi ha perso un oggetto con il suo ritrovatore. La sua forza è anche l’integrazione con i database degli uffici oggetti smarriti
di comuni, aeroporti, eventi su larga scala e strutture ricettive.

Chiavi e portafoglio
Tra le cose più comuni che ogni giorno ci capita di non trovare facilmente ci sono chiavi, portafoglio e tanti altri piccoli oggetti. E proprio per scovarli più facilmente sono state ideate alcune soluzioni come Chipolo, Filo, Lapa, Tile o Wistiki, che funzionano grazie a una particolare targhetta (chiamata anche tag) di piccole dimensioni da applicare a ciascun oggetto. Grazie a queste app, sarà possibile geolocalizzare l’oggetto sul nostro cellulare e ritrovarlo tramite un suono emesso proprio dalla targhetta-tag di cui sopra. Il dispositivo funziona anche all’inverso, vale a dire per individuare il telefono a partire dagli oggetti.

Dov’è il cellulare? Fai un fischio e lo saprai
Finora abbiamo visto come ritrovare cose a cui teniamo grazie al nostro cellulare. Ma se a smarrirsi fosse proprio il telefonino? Anche in que- sto caso niente paura (o quasi): basta un fischio per ritrovarlo. Come? Utilizzando le app Whistle and Find o Whistle Finder Free: grazie a entrambe, infatti, il telefono comincerà a squillare subito dopo aver iniziato a fischiare. E se non siete in grado di farlo? Tranquilli, con Clap to Find si otterrà lo stesso risultato battendo le mani. Bisogna ricordarsi, però, che tutte queste app sfruttano la connessione Bluetooth del telefono, che ha un raggio d’azione piuttosto limitato.

Guarda la strada!
Alla guida, l'uso del cellulare è proibito, ma anche se si è a piedi, una delle abitudini più fastidiose (e pericolose) dall’avvento degli smartphone è quella di camminare per strada con gli occhi fissi sul telefono. Proprio per avvertire i pedoni distratti, specie i più giovani, l’operatore di telefonia tedesca O2 ha sviluppato l’app Watch out! che avverte nel caso ci si trovi nelle vicinanze di un incrocio pericoloso grazie ad appositi segnalatori installati ai semafori. Per ora il sistema funziona solo in Germania, ma a breve potrebbe espandersi anche in altri Paesi.

Non avevo parcheggiato qui?
Siete in un grande centro commerciale, stracolmi di sacchetti e non ricordate più il settore in cui avete posteggiato l’auto? Non fatevi prendere dal panico, non è più necessario girare affannati alla sua ricerca. Tra le app più utili in situazioni del genere ci sono infatti Augmented Car Finder, Car Finder AR, Park me right e Trova auto parcheggiata.
Il funzionamento è più o meno simile: una volta parcheggiata l’auto, si attiva l’app che registra tramite gps la posizione del veicolo. Quando ne avrete bisogno, basterà consultare l’applicazione stessa, che vi guiderà nel punto esatto come un navigatore satellitare.

 

Condividi

Leggi anche