Gravlax: il salmone marinato norvegese

Gravlax: il salmone marinato norvegese

Ma cosa si mangia nel Nord Europa, e in particolare in Norvegia?
A parte il merluzzo, trasformato in stoccafisso e baccalà con l’essiccazione all’aria aperta e la salatura, e al salmone, anche affumicato, ecco alcuni prodotti tipici da assaporare durante uno spuntino notturno:
L’Akevitt, l’acquavite norvegese che non manca mai nelle dispense e che si ricava dalla distillazione delle patate - resa diversa di volta in volta dal mix di spezie ed erbe utilizzate - è fondamentale per la marinatura del salmone e dell’aringa.
 
L’aringa, insieme a merluzzo e salmone è il pesce protagonista delle tavole norvegesi. Ricchissimo di Omega3, si conserva a lungo grazie a salatura e affumicatura. Le aringhe Sunnmøre vantano anche il presidio SlowFood.
 
Il Brunost, letteralmente 'formaggio marrone che sa di caramello', grazie alla lenta e lunga cottura del latte.Per i buongustai norvegesi è una vera delizia servito a colazione o per uno spuntino, con un 'waffle' (cialda dolce) o con una composta di lamponi artici.

La patata, molto amata dai norvegesi, è proposta in moltissime ricette, profumata con paprika o aneto e accompagnata con panna acida. Le varietà sono molte e tutte molto gustose.

Difficoltà: semplice · Preparazione: 15 minuti + 48 ore per il riposo · Prezzo per persona: meno di 4,00€


Ingredienti:

Dosi per 4 porzioni

  • 1 filetto di salmone con la pelle di circa 500 g
  • 60 g zucchero di canna grezzo BIO Pam Panorama — Vedi
  • 40 g sale iodato fino
  • 125 g yogurt cremoso bianco Pam Panorama — Vedi
  • 30 g senape forte di Dijon Pam Panorama — Vedi
  • q.b. aneto fresco
  • q.b. pepe bianco
  • pane nero o pane di segale
  • e burro salato per il servizio

Preparazione:
Lavate e tritate finemente un mazzetto di aneto. Frullate con il mixer lo zucchero di canna così da renderlo molto fino e mescolarlo con il sale e l’aroma tritato. Coprite con della pellicola alimentare una teglia in ceramica, facendo in modo che ne fuoriesca un po’, distribuite un terzo del mix, posizionate il filetto di salmone con la pelle rivolta verso il basso, coprite con il restante mix appena preparato e premete delicatamente con le dita per far insaporire bene il pesce.
Coprite completamente con la pellicola e mettete sopra due barattoli come pesi. Fate riposare in frigo per due giorni, rigirandolo ogni 12 ore. Trascorso questo tempo, eliminate i liquidi che si saranno formati e asciugate il filetto con carta assorbente.
In una ciotola, mescolate lo yogurt con la senape, un pizzico di sale, uno di zucchero e un cucchiaino di aneto tritato.
Affettate in diagonale il salmone e servitelo con il pane, la salsa e qualche ricciolo di burro.

Condividi