Anguria mon amour! Insalata di anguria e feta e gelo di mellone

Anguria mon amour! Insalata di anguria e feta e gelo di mellone

Anguria, cocomero, mellone: tanti nomi per il frutto dell’estate che in questo menù viene reso grande protagonista così da ispirare ben due ricette che trovano le loro radici nel Mediterraneo. L’insalata di anguria, veloce e semplicissima, un piatto freschissimo e reso sapido grazie alla presenza della feta e un dessert che arriva dalla tradizione dolciaria siciliana, una morbida mousse impreziosita dalla granella di pistacchio e da un tocco di cioccolato fondente.

Difficoltà: media · Cottura: 15 min · Preparazione: 40 min · Prezzo per persona: meno di 4,00 €


Ingredienti:

Per l’insalata di anguria e feta

  • 400 g di anguria senza scorza
  • 200 g di feta
  • Un mazzetto di basilico fresco
  • 1 cipolla rossa Pam Panorama — Vedi
  • Olio extra vergine di oliva 100% italiano Pam Panorama — Vedi
  • Sale finissimo iodato Pam Panorama — Vedi
  • Pepe nero macinato al momento


Per il gelo di mellone o “gelu i muluni"

  • 500 g di polpa di anguria senza scorza
  • 40 g di zucchero grezzo di canna Pam Panorama — Vedi
  • 15 g di amido di mais Pam Panorama — Vedi
  • 1 cucchiaio di acqua ai fiori d’arancio
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • 20 g di cioccolato extra fondente Pam Panorama — Vedi
  • 10 g di pistacchi tostati senza sale Pam Panorama — Vedi


Vino consigliato: Erbaluce Caluso Docg “Valgera”
 


Preparazione:



Preparazione dell’insalata di anguria e feta

Sgocciolare e tagliare a cubetti la feta (foto 1), cubitare anche l’anguria (foto 2) e tagliare a fettine sottili la cipolla (foto 3).
Dividere gli ingredienti in due larghe ciotole, decorare con le foglie di basilico e terminare con un filo d’olio, il sale e il pepe nero macinato al momento (foto 4).



Preparazione del gelo di mellone o “gelu i muluni"
Tagliare a cubetti la polpa di anguria (foto 5), frullarla con un mixer e passarla al setaccio così da eliminare tutti i semi (foto 6).



Sciogliere l’amido con qualche cucchiaio di succo, unirlo a quello restante così da non creare grumi e trasferirlo in un tegame con lo zucchero, unire i semini della vaniglia (o anche la vaniglia incisa e lasciata intera) e l’acqua di fior d’arancio e far addensare a fuoco dolcissimo (foto 7), mescolando con un cucchiaio di legno per 10’-15’ o quando il composto avrà raggiunto la densità desiderata (foto 8). Trasferire la crema in due o più ciotoline e far riposare in frigo fino al raffreddamento completo, mescolando di tanto in tanto. Servire con i pistacchi tritati e scaglie di cioccolato (foto 9).


Condividi