PORTATE
  • TIPOLOGIE
  • SPECIALI
  • RICETTE DAL MONDO
  • FESTIVITà
  • TRADIZIONE ITALIANA
  • LE SETTIMANE A TEMA
  • IN SALUTE E IN FORMA
  • Panelle di ceci al rosmarino

    SPECIALI

    Panelle di ceci al rosmarino

    Le panelle sono il tipico street food di Ballarò, il mercato di Palermo. In realtà in questo caso le ho un pochino rivisitate, aromatizzandole con del rosmarino e gustandole con un panino di grano duro, invece che il classico panino al sesamo. Restano una golosità cui in pochi sanno resistere, quindi il consiglio è di raddoppiare la dose.

    Difficoltà: facile   ‐   Cottura: 20 min.   ‐   Preparazione: 60 min.   ‐   Prezzo per persona: meno di 0,53€

    Ingredienti:

    Dosi per 4 persone:

    • 750 ml di acqua
    • 250 g di farina di ceci
    • sale
    • tre rametti di rosmarino
    • panini di grano duro
    • olio per friggere
    Preparazione:

    Setacciate la farina di ceci due volte, in modo da eliminare ogni grumo (1). Stemperatela con l’acqua, poco alla volta, anche in questo caso per evitare la formazione di grumi fastidiosi (2). Salate, mettete sul fuoco e cuocete per circa 20 minuti, fino a che non si avrà una polentina dura. Unite anche il rosmarino tritato (3).

    Versate la polentina in uno stampo da plum cake precedentemente unto, facendo attenzione a che non si formino bolle d’aria. Per evitarlo battete bene lo stampo sul tavolo una volta riempito. Lasciate a raffreddare (4). Quando la polentina sarà fredda e solida, ribaltatela su un tagliare e dividetela in fette sottili, alte circa 3 mm (5). Friggete le fette in olio bollente, fino a che non saranno croccanti e dorate. Asciugatele su carta assorbente e disponetele all’interno del panino di grano duro (6).

    Le panelle sono il tipico street food di Ballarò, il mercato di Palermo. In realtà in questo caso le ho un pochino rivisitate, aromatizzandole con del rosmarino e gustandole con un panino di grano duro, invece che il classico panino al sesamo. Restano una golosità cui in pochi sanno resistere, quindi il consiglio è di raddoppiare la dose.





    Condividi