Pasticcio di pane azzimo

Pasticcio di pane azzimo

In tutte le culture le uova e le erbette (in questo caso sostituite da freschissimi spinaci) simboleggiano la natura che si risveglia e il mistero della vita e della natura che si replica all’infinito. Questo pasticcio è un piatto che proviene direttamente dalla cultura enogastronomica ebraica ed arricchito da uvetta e pinoli, come solitamente viene presentato ed offerto nel Ghetto di Venezia.

Difficoltà: facile · Cottura: 30 min. · Preparazione: 20 min. · Prezzo per persona: 2,75€


Ingredienti:
  • 1 confezione di spinaci freschi P&P — Vedi
  • 6 fogli di pane azzimo
  • 2 cucchiai di uvetta P&P
  • 2 cucchiai di pinoli P&P — Vedi
  • 100 g di grana padano grattugiato dop P&P — Vedi
  • 100 g di feta
  • 2 uova bio P&P — Vedi
  • olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe nero

Preparazione:

In una padella tostare i pinoli (FOTO 1) e mettere in ammollo l’uvetta.
Accendere il forno a 180°.
In una pentola capiente versare gli spinaci e una presa di sale grosso (FOTO 2) e nel giro di 3’ il sale richiamerà l’acqua dalla verdura (osmosi), cuocendola. Togliere dal fuoco, strizzare gii spinaci e mettere da parte.
Scolare e strizzare l’uvetta e tritare grossolanamente gli spinaci (FOTO 3).

 

 

Sbriciolare la feta e ammorbidire i fogli di pane azzimo con un po’ di acqua calda o brodo vegetale (FOTO 4).
In una ciotola unire la feta, il grana, gli spinaci, l’uovo, l’uvetta e i pinoli e profumare con un po’ di pepe (FOTO 5).
Spennellare con dell’olio il fondo di una teglia quadrata, stendere il pane azzimo, continuare con metà della farcia, stendere ancora pane azzimo, la farcia e terminare con l’ultimo foglio di pane azzimo (FOTO 6), spennellare la superficie con il secondo uovo sbattuto e cuocere nel forno già caldo per 30’ o fino alla doratura della superficie.
Sfornare e servire immediatamente.

 


Condividi