PORTATE
  • TIPOLOGIE
  • SPECIALI
  • RICETTE DAL MONDO
  • FESTIVITà
  • TRADIZIONE ITALIANA
  • LE SETTIMANE A TEMA
  • IN SALUTE E IN FORMA
  • Spaghetti con le sarde

    SPECIALI

    Spaghetti con le sarde

    Gli spaghetti con le sarde, proposti in questa videoricetta, vengono direttamente dalla consuetudine gastronomica veneziana e nello specifico dal Ghetto della città lagunare: si tratta di un piatto di “magro” ovvero consentito sia dai precetti religiosi ebraici che da quelli cristiani in quanto preparato senza l’aggiunta di grassi animali. La sua ricchezza si trova soprattutto nel mix degli ingredienti utilizzati: il pesce azzurro ed i pinoli, ricchissimi di Omega3 e di sali minerali preziosi, e l’uvetta sultanina, che dà quel tocco dolce ad una pietanza indubbiamente sapida, trasformano un piatto “povero” in un ricco concentrato di sostanze nutritive. E in più è buono!

    Difficoltà: facile   ‐   Cottura: 30 min.   ‐   Prezzo per persona: meno di 3,00€

    Ingredienti:
    • 320 g di spaghetti di Gragnano i Tesori o Pam Panorama Vedi
    • 400 g di sarde fresche
    • 2 scalogni
    • 1 cucchiaio di uva sultanina Pam Panorama Vedi
    • 1 cucchiaio di pinoli Pam Panorama Vedi
    • 2 filetti di alici Pam Panorama Vedi
    • 1 limone Bio Pam Panorama Vedi
    • Olio extra vergine di oliva 100% italiano i Tesori Pam Panorama Vedi
    • Sale marino iodato Pam Panorama
    • Pepe nero
    Preparazione:

    Pulire le sarde (oppure fatelo fare al vostro pescivendolo) togliendo la testa e delicatamente la spina centrale, aprendole a libro, sciacquarle delicatamente ed asciugarle con carta casa (1).

    Portare a bollore l’acqua (2), lessare gli spaghetti e nel frattempo tagliare lo scalogno (3).

     

     

    In una padella far appassire brevemente lo scalogno con un filo di olio extra vergine di oliva, unire le alici schiacciandole con un mestolo di legno ed infine le sarde, cucinando il tutto per pochi minuti. Aggiungere l’uvetta, strizzandola prima, per eliminare l'acqua di ammollo, aggiungere infine i pinoli precedentemente tostati in una pentola antiaderente, senza aggiunta di olio (4).

    Scolare la pasta (conservando a parte un po’ dell’acqua di cottura), togliendola dal fuoco un paio di minuti prima del tempo indicato dal produttore, versarla nella padella del sugo e terminare la cottura fino al termine aggiungendo un mezzo mescolo dell’acqua di cottura conservata, procedere “risottandola”.
    Preparare a parte la scorza del limone tagliata a julienne o ottenuta con un riga limone (5).

    Con un mestolo e con una forchetta o con un coppapasta posizionare la pasta al centro dei piatti, completare la decorazione del piatto con l'aggiunta di sughetto di sarde rimasto nella padella. Terminare la ricetta con il tocco finale, utilizzando il profumo della scorza del limone, una macinata di pepe nero e un filo di olio extra vergine di oliva (6).

     





    Condividi