PORTATE
  • TIPOLOGIE
  • SPECIALI
  • RICETTE DAL MONDO
  • FESTIVITà
  • TRADIZIONE ITALIANA
  • LE SETTIMANE A TEMA
  • IN SALUTE E IN FORMA
  • Stinco di maiale marinato alla birra

    SPECIALI

    Stinco di maiale marinato alla birra

    Si dice sempre che del maiale non si butta via nulla ma il logorio della vita moderna ci impone molto spesso di scegliere dei tagli di carne che si cucinino molto velocemente, dimenticando che il forno a temperatura media è spesso un nostro alleato: lui cucinerà per noi mentre ci potremo godere la lettura di un buon libro.

    Difficoltà: media   ‐   Cottura: 90 minuti   ‐   Preparazione: 15 minuti   ‐  

    Ingredienti:
    • 2 stinchi medi di maiale
    • 50 g di strutto
    • 1 cipolla - 1 carota
    • 1 gamba di sedano
    • 1 testa d’aglio piccola
    • 3 rametti di rosmarino
    • 1 bottiglietta di birra doppio malto da 330 ml
    • qualche bacca di ginepro
    • qualche grano di pepe
    • ½ limone - sale
    • olio extra vergine di oliva
    Preparazione:

    Tagliare a rondelle le carote, a spicchi la cipolla ed a tocchetti il sedano ed unirli in un contenitore in vetro o ceramica con gli stinchi, le spezie e la birra . Coprire con una pellicola alimentare e lasciar marinare in frigo per una notte o per poche ore. (foto1) Accendere il forno a 180°.

    In una pentola dal fondo pesante far rosolare gli stinchi sgocciolati dalla marinata con lo strutto e 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva(foto 2): dorarli bene (foto 3), unire il rosmarino, la testa d’aglio, il limone e la birra usata per la marinata (foto 5) e cucinare nel forno caldo per circa 90’, bagnando ogni tanto con il sugo caldo che si verrà a formare, facendo attenzione che non si asciughi troppo. Regolare di sale. Sfornare, coprire con carta alluminio e filtrare il succo di cottura (foto 6). Affettare gli stinchi e servirli con un po’ di patate lessate e profumate con del prezzemolo tritato, con crauti già lessati o con del morbido purè.

    N.B.: se desiderata una salsina di accompagnamento un po’ più densa potete unire al fondo di cottura una cucchiaiata di fecola di patate o maizena e rimettere il pentolino sul fuoco per pochi minuti, mescolando affinché non si formino grumi. La marinatura è un’antica tecnica culinaria che consente alla carne o al pesce, grazie all’utilizzo di vino o birra, verdure, agrumi e spezie, di acquisire profumi ed aromi che daranno un valore aggiunto ai piatti.





    Condividi