PORTATE
  • TIPOLOGIE
  • SPECIALI
  • RICETTE DAL MONDO
  • FESTIVITà
  • TRADIZIONE ITALIANA
  • LE SETTIMANE A TEMA
  • IN SALUTE E IN FORMA
  • Trippa alla fiorentina

    SPECIALI

    Trippa alla fiorentina

    Un tempo, nella zona del Chianti, quando si volevano rinfacciare a qualcuno le origini contadine, lo si apostrofava così “Hai mangiato tanto collo di papero!” in quanto il padrone mangiava il papero intero, e ai contadini non rimanevano che collo e frattaglie. Da qui l’arte di trasformare in piatti preziosissimi le parti meno pregiate, come appunto la trippa, vale a dire le quattro parti dell’apparato digerente bovino, che in Toscana si chiamano croce, cuffia, centopelle e lampredotto.

    Difficoltà: facile   ‐   Cottura: 1 he 30 min.   ‐   Preparazione: 30 min.   ‐   Prezzo per persona: meno di 2,00€

    Ingredienti:
    • 1 kg trippa di vitellone
    • 1 confezione salsa di pomodoro datterino I Tesori Vedi
    • 2 cucchiai concentrato di pomodoro Pam Panorama Vedi
    • 1 costa di sedano
    • 1 cipolla bianca Pam Panorama Vedi
    • 1 carota bio Pam Panorama Vedi
    • 1 limone bio Pam Panorama Vedi
    • 1 foglia di alloro
    • 100 g parmigiano reggiano grattugiato Pam Panorama Vedi
    • olio extra vergine d’oliva Umbria DOP I Tesori Pam Panorama Vedi
    • sale, pepe nero macinato al momento
    Preparazione:

    Lavare molto bene la trippa e tagliarla a julienne, cioè a striscioline regolari. Sbollentarla per un minuto in acqua bollente salata con il limone tagliato a metà e la foglia di alloro.

    Lavare e tritare sedano, carota, cipolla. In una casseruola dal fondo pesante o di coccio scaldare 3 cucchiai di olio e far appassire gli aromi tritati, unire la passata di pomodoro e il concentrato, mescolare bene, unire la trippa facendo in modo che si amalgami con la salsa.

    Coprire, abbassare il fuoco e continuare la cottura per 1 ora e mezza unendo, se necessario, un po’ di brodo. Servire calda con una spolverata di parmigiano reggiano grattugiato.





    Condividi