Fonduta Valdostana

Fonduta Valdostana

La Fontina Dop è un formaggio vaccino, ovvero a base di latte di mucca, che viene preparato nella Valle d’Osta fino dal XIII secolo. La pasta ha un colore variabile dal paglierino al giallo e non presenta molte occhiature, è molto profumato ed anche il sapore ha una decisa personalità: ecco quindi il formaggio perfetto per la preparazione di un piatto la cui memoria si perde nella notte dei tempi. I passaggi fondamentali, per la buona riuscita, sono l’ammollo della dadolata di formaggio nel latte, lo scioglimento a fuoco dolcissimo e la lavorazione dei tuorli, uno alla volta. Con del pane tostato ed un’abbondante macinata di pepe nero questo piatto vi saprà ricompensare di tutta l’attenzione posta nel prepararlo.

Difficoltà: media · Cottura: 20 minuti · Preparazione: 10 minuti ·


Ingredienti:
  • 400 g di Fontina dop
  • 200 g di latte intero P&P — Vedi
  • 4 uova P&P — Vedi
  • 40 g burro P&P — Vedi
  • pane integrale o con semi
  • pepe nero

Preparazione:

Eliminare la crosta dalla fontina, tagliarla a dadini (foto 1) e metterla a riposare con il latte, in una ciotola di vetro, per un’intera notte (foto 2). In una casseruola dal fondo pesante o in ghisa far sciogliere molto lentamente il burro (foto 3), unire la dadolata con due cucchiai di latte (quello utilizzato per l’ammollo) e continuare la cottura a fuoco dolcissimo mescolando continuamente con un cucchiaio di legno (foto 4).

Tagliare il pane a quadrotti e tostarlo leggermente (foto 5). Quando la fontina sarà sciolta unire i tuorli, uno alla volta, facendo attenzione che vengano completamente assorbiti dalla crema morbida che si andrà formando (foto 6). Per la buona riuscita del piatto la fonduta non deve mai prendere il bollore. Versare subito la fonduta in ciotoline individuali, profumare con una macinata di pepe e servire immediatamente con dadini di pane integrale o con i semi tostato.


Condividi