PORTATE
  • TIPOLOGIE
  • SPECIALI
  • RICETTE DAL MONDO
  • FESTIVITà
  • TRADIZIONE ITALIANA
  • LE SETTIMANE A TEMA
  • IN SALUTE E IN FORMA
  • Vellutata di cavolfiore al cumino

    SPECIALI

    Vellutata di cavolfiore al cumino

    Verrebbe da dire “un piatto del cavolo” dinnanzi a questa vellutata. È vero, le crocifere, famiglia alla quale appartengono cavoli, broccoli, cavoletti di Bruxelles e verze, non sono molto amate, eppure sono ortaggi fondamentali per affrontare l’inverno, ricchi come sono di sali minerali, di fibre e di vitamina C. In questa ricetta due piccoli plus: l’uso del cumino che profuma il cavolo e ne facilita la digestione e l’utilizzo del latte di soia, così da ottenere una vellutata gradita anche agli intolleranti al lattosio.

    Difficoltà: minima   ‐   Cottura: 25 min.   ‐   Preparazione: 10 min.   ‐   Prezzo per persona: 1,00 €

    Ingredienti:
    • 500 g di cavolfiore Bio già mondato oppure 
    • 450 g di cimette di cavolfiore surgelate Pam Panorama
    • 1 cipolla bianca Pam Panorama
    • 300 ml di bevanda soia Bio Vedi
    • 1 cucchiaino di semi di cumino
    • olio extravergine d’oliva 100% italiano Pam Panorama Vedi
    • sale iodato
    • pepe di mulinello
    Preparazione:
    Lavare, mondare e tagliare a cimette il cavolfiore oppure sbollentare le cimette per pochi minuti in acqua bollente salata. Scolare e mettere da parte (foto 1).
    Mondare e tritare finemente la cipolla (foto 2).
    In una casseruola tostare i semi di cumino con un paio di cucchiai di olio extra vergine di oliva, così da rendere profumati gli ingredienti che successivamente verranno utilizzati (foto 3).
     
     
    Unire la cipolla tritata e rosolarla dolcemente finché non diventa trasparente, unire il cavolfiore, la bevanda di soia, mescolare bene e portare a bollore (foto 4).
    Abbassare il fuoco, lasciar sobbollire per 15’ minuti (foto 5).
    Togliere dal fuoco, frullare con un mixer ad immersione e regolare di sale (foto 6).
     
     
    Servire immediatamente con una macinata di pepe nero.




    Condividi